Passa a contenuti principali
Pulse
una donna di fronte a uno schermo

Istituto Neurologico Carlo Besta: fornire l’assistenza essenziale al paziente anche a distanza

Johanna Winqvist

Johanna Winqvist

Microsoft, Events

Tempo di lettura, 6 min.

“La telemedicina era una tecnologia che avevamo pianificato di implementare da un paio d’anni. Ma poi, quasi da un giorno all’altro, tutto è cambiato: è diventata una piattaforma indispensabile per l’ospedale”.

Francesca De Giorgi, CIO dell’IRCCS Carlo Besta, riflette sulle recenti sfide che il suo team ha dovuto affrontare quando le misure di distanziamento sociale imposte dal governo italiano hanno innescato un immediato bisogno di trasformazione digitale.

“Molti dei nostri pazienti soffrono di patologie croniche che richiedono frequenti controlli da parte dei medici”, spiega Francesca. “Ma il lockdown ha limitato la loro capacità di spostarsi, così all’improvviso i nostri medici hanno iniziato a ricevere telefonate ed e-mail da pazienti preoccupati”.

Francesca e il suo team si sono dovuti muovere velocemente per implementare un sistema di consultazione virtuale che aiutasse a colmare il divario e garantisse che i pazienti con malattie neurologiche croniche potessero comunque seguire i loro medici in modo privato e sicuro, senza lasciare le loro case. Il tutto, nel giro di poche settimane.

“Abbiamo iniziato a implementare una nuova soluzione con due principi guida: semplicità e velocità”, fa notare.

“È così che è nata l’infrastruttura di telemedicina che abbiamo ora, e abbiamo bisogno di un’implementazione integrata di tecnologie e processi che supportino un’interazione su misura”.

Ripensare un approccio tradizionale

Fondato nel 1918, l’IRCCS Carlo Besta è un centro di ricerca e fornitore di assistenza sanitaria leader a livello mondiale, che fornisce sia assistenza di alta qualità ai pazienti che ricerca medica avanzata per malattie e patologie neurologiche come il morbo di Alzheimer, il Parkinson, la SLA, l’Ataxias, la sclerosi multipla, i disturbi neuromuscolari, l’epilessia, le malattie cerebrovascolari, il dolore, i tumori cerebrali e le malattie neurologiche rare.

Fabrizio Tagliavini, Direttore Scientifico dell’Istituto Carlo Besta di Milano, spiega che la sua reputazione va ben oltre i confini della città: il 60% dei pazienti, infatti, provengono da altre regioni d’Italia e anche dall’estero. Per questo motivo, l’ospedale aveva già iniziato i lavori per la realizzazione di un’infrastruttura di telemedicina nel 2017, finanziata dal Ministero della Salute italiano, anche se le discussioni in corso sulla privacy e sulle normative avevano impedito l’avanzamento del progetto.

Questo fino a quando, a metà di febbraio 2020, le restrizioni imposte dal governo hanno cominciato a limitare le modalità di interazione tra medici e pazienti. Ora Francesca e il suo team avevano bisogno di avviare il progetto in fretta.

“La pandemia ha rappresentato una spinta improvvisa a ripensare il modo in cui comunichiamo e gestiamo i nostri pazienti cronici”, dice Davide Pareyson, Direttore del Dipartimento Funzionale delle Malattie Rare Neurodegenerative e Neurologiche. “Molti dei nostri pazienti hanno già avuto consultazioni per marzo, aprile e maggio”, aggiunge. “Avevamo quindi l’urgente necessità di garantire una continuità di cure a questi pazienti”.

Serviva una nuova soluzione che permettesse ai pazienti di continuare a interagire senza compromettere la loro salute.

“La soluzione? La suite di strumenti per la collaborazione Microsoft Teams.”

Adozione di una soluzione digitale

Con oltre 100 diversi ambulatori per una varietà di disturbi neurologici e nessuna infrastruttura di telemedicina esistente, sono stati selezionati quattro reparti per pilotare il nuovo sistema: morbo di Parkinson, sclerosi multipla, neurologia infantile e malattie rare.

“Gli operatori sanitari che operano in queste aree hanno mostrato un grande interesse per la telemedicina e per come questa possa aiutarli a gestire e curare i pazienti”, spiega Francesca. “Era importante che fossero entusiasti, perché avremmo avuto bisogno del loro aiuto per testare rapidamente la sollecitazione e migliorare il sistema”.

Utilizzando Microsoft Teams, i medici di questi reparti possono ora offrire ai pazienti cronici un videoconsulto per continuare in sicurezza il loro piano di trattamento, con l’aiuto del personale di supporto per garantire che ogni paziente abbia la tecnologia necessaria per partecipare.

“Mandano ai pazienti una lista di controllo attraverso Microsoft Forms prima del loro consulto affinché tutto funzioni senza problemi”, dice Francesca. “E con l’EMR integrato, le cartelle cliniche sono allegate alla prenotazione e messe a disposizione del medico durante la chiamata, aiutandoci a garantire la privacy e la sicurezza”.

Il sistema di prenotazione dell’ospedale è stato integrato anche in Microsoft Teams e Office 365, permettendo ai pazienti di tenere traccia dei loro appuntamenti con facilità e di ricevere qualsiasi corrispondenza per via elettronica. Lavorando con il fornitore di prenotazioni, Francesca è stata anche in grado di sviluppare un’API per tradurre le cartelle cliniche dei pazienti e gli appuntamenti precedenti in Microsoft Bookings.

“È un sistema completo che copre la visita di ogni paziente da cima a fondo”, dice Francesca.

I vantaggi per i pazienti

Per i pazienti cronici, questi consulti virtuali hanno contribuito a ristabilire un certo ordine, consentendo ai medici di monitorare regolarmente il modo in cui i pazienti gestiscono la loro condizione, e persino di riprodurre gran parte dell’esame fisico neurologico.

“Possiamo usare queste consultazioni per vedere come si è sviluppata la loro condizione, ad esempio chiedendo loro di camminare sui talloni o sulle dita dei piedi per valutare l’equilibrio e la coordinazione”, dice Davide. “E alla fine possiamo parlare dei risultati, delle prescrizioni e della prossima visita”.

“Molto dipende dalla connessione Internet dei pazienti e dalla qualità della chiamata”, aggiunge. “Questo approccio mostra già molti vantaggi.”

Un altro di questi vantaggi per i pazienti è stato in termini economici, cosa che Francesca vorrebbe vedere di più mentre il suo team continua a sviluppare questa soluzione.

“Prima del lockdown, i pazienti potevano spendere più di 600 euro per raggiungerci, calcolando i costi complessivi di viaggio per il paziente e l’accompagnatore e la perdita di un giorno lavorativo per entrambi”, spiega. “Se riusciamo a ottenere dal ministero un quadro più chiaro sulle tariffe e sui regolamenti specifici, possiamo offrire ai pazienti un migliore accesso all’assistenza sanitaria di cui hanno bisogno”.

E il feedback dei pazienti è stato positivo. “Solo di recente abbiamo inviato questionari di feedback attraverso Microsoft Forms”, dice Davide. “Ma finora siamo lieti che molti pazienti si siano detti molto contenti e soddisfatti di questo nuovo approccio”.

Un test di successo per il futuro

Per l’IRCCS Carlo Besta, questa non è stata solo una risposta a una pandemia, ma una tabella di marcia per la ricerca clinica futura.

“Non c’è divisione tra il nostro lavoro clinico e la ricerca, in quanto entrambi si basano sulle interazioni che abbiamo con i pazienti”, spiega Fabrizio. “Sono al centro delle nostre attività, che speriamo che questo nuovo sistema ci aiuti a esplorare maggiormente in futuro.

“Stiamo già insegnando a molti altri reparti come utilizzare il sistema”, aggiunge. “E a esplorare qualcosa di più di semplici esami dei pazienti. Vogliamo anche esaminare come le soluzioni di telemedicina possono avere un impatto sulla riabilitazione e sui test neuropsicologici, e come possiamo usare questo approccio per la ricerca di diversi disturbi e per il confronto delle scale cliniche”.

Perciò, mentre l’IRCCS Carlo Besta prosegue nel suo impegno per fornire servizi vitali ai suoi pazienti vulnerabili, ci può essere un barlume di speranza che in futuro questi pazienti possano beneficiare di un servizio ancora più efficiente ed economico, basato sulla tecnologia digitale.

Allo stesso tempo, speriamo che la telemedicina diventi un modello di routine e un quadro riconosciuto per fornire assistenza nel contesto nazionale.

Per saperne di più su come Teams sta trasformando il modo in cui medici e pazienti possono interagire e comunicare, vedi la pagina https://www.microsoft.com/it-it/microsoft-365/solutions/health.

Mantieni la produttività con queste soluzioni per il lavoro da remoto

Scopri come mantenere i tuoi team connessi, produttivi e sicuri

Assistenza sanitaria

  • una persona seduta davanti a un computer portatile

    L’approccio “Big Bang” alla trasformazione digitale e come farlo funzionare

    In questo momento non esiste una cosa come la normalità. Il cambiamento e la disgregazione sono la nuova normalità. Basti pensare ai cambiamenti che interessano la tua organizzazione in questo momento, con nuove tecnologie e tecniche che guidano nuovi atteggiamenti e aspettative da parte di dipendenti e clienti. Tutto sta cambiando. E l’unica cosa che […]

Governo

  • Ineco

    Ineco migliora la produttività dei dipendenti con strumenti moderni e con l’intelligenza artificiale

    Avere difficoltà con il software non aiuta le persone a ottenere di più. Anche le difficoltà con la condivisione di file e la collaborazione sui documenti influiscono sulla produttività. Ineco, una società spagnola del settore pubblico, ha compreso questo aspetto, che è il motivo per cui ha voluto cambiare il modo in cui i dipendenti […]

  • Iceland runs on Trust

    Come il cloud ha aiutato una piccola nazione a concretizzare grandi ambizioni

    Nel dicembre 2015 il governo islandese ha avviato il riesame delle infrastrutture digitali. Con più di 100 fornitori gestiti da oltre 100 responsabili IT di ciascuna istituzione pubblica, l'intento era chiaro: semplificare le attività e semplificare l'IT per oltre 20.000 utenti. La soluzione: Avanti tutta per due anni e mezzo, poi la decisione è stata […]

Per la scuola

Produzione

Vendita al dettaglio

  • HeadBrands è pronta per il futuro con Microsoft 365 Business

    HeadBrands è pronta per il futuro con Microsoft 365 Business

    HeadBrands continua a crescere sin dalla sua nascita nel 2010 e sta diventando rapidamente il principale rivenditore di prodotti per parrucchieri in Scandinavia. HeadBrands aveva bisogno di una soluzione IT moderna per aumentare la produttività aziendale e migliorare la collaborazione, sia all’interno dell’azienda che esternamente. La soluzione? Sostituire  la maggior parte dei loro precedenti servizi […]

  • Smart working: come iniziare subito con Microsoft Teams

    Smart working: come iniziare subito con Microsoft Teams

    Smart working: i migliori strumenti e corsi on-line di Microsoft per iniziare subito! Ecco una selezione delle più efficaci risorse per aiutare utenti ed organizzazione a sfruttare al meglio Microsoft Teams.