Tempo di lettura, 3 min.

Il biennio appena trascorso ha rappresentato un vero e proprio spartiacque per il settore IT e per tutte le imprese che hanno saputo cogliere le opportunità dettate dalle contingenze per accelerare il processo di digitalizzazione.

Dinnanzi a tale impulso innovativo la domanda di professionisti IT è aumentata a dismisura e si prevede che possa crescere sempre più con l’incremento della trasformazione in atto. In questo contesto il nostro paese si trova ad affrontare una situazione emergenziale legata allo skill shortage sia per le competenze di base – il 54% della popolazione italiana non possiede competenze digitali di base (rapporto DESI 2022) – sia per quelle avanzate –  l’Italia è ultima in UE per numero di iscritti a corsi di laurea in materia ICT in rapporto alla popolazione: 0,7 ogni mille abitanti, contro i 5,3 della Finlandia, leader in Europa (Ambrosetti 2022).

Alleanza per il Lavoro si inserisce in questo perimetro con l’intento di promuovere l’integrazione e lo sviluppo di un ecosistema digitale mediante la valorizzazione e l’accrescimento del capitale umano con competenze digitali.

Tra i profili con la domanda a maggior tasso di crescita abbiamo individuato quattro aree professionali destinate a diventare sempre più protagoniste nel mercato del lavoro in ambito IT:

Cloud Computing

Il mercato del Cloud in Italia si conferma in consolidamento superando 4,5 miliardi di € nel 2022, con una crescita del +18% rispetto al 2021 (Osservatorio Cloud Transformation Politecnico di Milano). Naturale conseguenza di questo fenomeno è il costante aumento della domanda di professionisti in grado di ricoprire ruoli specializzati. La richiesta coinvolge diversi profili legati a questo ambito che si differenziano in base alle numerose attività gravitanti attorno alla tecnologia Cloud: sviluppo dell’architettura, supporto dei processi di migrazione, gestione delle operazioni e monitoraggio delle soluzioni proposte. Familiarità con i principali servizi Cloud come Azure vanno a completare le skills richieste per una figura specializzata.

Azure in Microsoft Learn | Microsoft Learn

Cybersecurity

Il recente incremento di attacchi informatici a livello globale ha rivelato numerosi limiti nel comparto informatico del nostro paese con ritardi nell’ammodernamento dell’infrastruttura IT e applicativa e una carenza di figure professionali specializzate. Se da un lato il Cybersecurity Engineer è tra le 25 professioni più richieste in Italia (fonte: report Linkedin Lavori in Crescita 2023), dall’altro solo il 40% dei lavoratori ha ricevuto una formazione specifica sulla sicurezza cibernetica (Rapporto Censis – DeepCyber, Aprile 2022).  Le competenze richieste per un profilo specializzato riguardano la progettazione nonché l’implementazione dei controlli per la sicurezza informatica, la gestione degli accessi e la protezione dei dati nelle reti cloud e negli ambienti ibridi.

Scopri il percorso professionale per ingegneri della sicurezza su Microsoft Learn

Data & AI

La transizione digitale unita all’esigenza sempre più impellente delle imprese verso l’adozione di un modello di business data-driven ha incrementato nel tempo in maniera più che proporzionale la domanda di professionisti dei dati, ossia figure specializzate in grado di analizzare ed elaborare una grande quantità di dati con machine learning, intelligenza artificiale e modelli predittivi. Forti competenze analitiche e tecnologiche sono rilevanti in quanto dalla capacità interpretativa di tale profilo ne deriva la declinazione di strategie più o meno efficaci.
Considerati da molti come la risorsa più importante del nuovo millennio, i big data sono destinati a rivestire un ruolo sempre più cruciale nel prossimo futuro.

Scopri il percorso professionale per analista di dati su Microsoft Learn

Low Code – New Apps

Ruolo essenziale in ambito IT è il Developer, responsabile di tutte le fasi di sviluppo dei sistemi software: progettazione, analisi, test, installazione e monitoraggio. Indispensabile per questo profilo è una competenza generale in informatica e conoscenza dei principali linguaggi di programmazione. Il ruolo in questione richiede l’abilità di sviluppare codice e script, nonché di gestire sistemi e/o strumenti che riducono il carico operativo automatizzando attività complesse e ripetitive. L’ultima tendenza riguarda lo sviluppo low-code che permette agli sviluppatori di accelerare il time to market di quelle applicazioni per cui si prevede un utilizzo di componenti già pronte. Grazie alle piattaforme Microsoft Power Apps e Microsoft Power Automate, è possibile sviluppare rapidamente soluzioni line-of-business a basso codice personalizzate e flessibili che integrano sistemi e dati esistenti.

Scopri il percorso professionale per sviluppatori su Microsoft Learn

Ambizione Italia #DigitalRestart

Scopri tutte le iniziative del progetto Ambizione Italia

Scopri altri articoli correlati per settore:

Per la scuola

  • FBK – Webvalley
    Leggi di più FBK – Webvalley Occupabilità Tempo di lettura, 1 min.

    FBK – Webvalley

    WebValley è la scuola estiva internazionale di FBK – Fondazione Bruno Kessler –   dedicata alla data science e alla ricerca interdisciplinare basata sull’intelligenza artificiale. Nata come un’iniziativa locale, dal 2011 è diventata una realtà internazionale, che attira studenti da ogni parte del mondo, stimolando dialogo e scambi di idee. Ogni anno gli studenti che partecipano […]

  • Icona

    Educazione a 360 gradi: apprendimento socio-emotivo con Minecraft nella Showcase IC Fontamara

    L’apprendimento ibrido è qui per restare: scopriamo come nella Showcase IC Fontamara di Pescina sono stati in grado di abbracciare l’innovazione tecnologica, a favore della multidisciplinarità e dell’innovazione didattica. Affrontare il cambiamento spaventa, come tutto ciò che potrebbe sconvolgere le nostre abitudini. Lo sa bene la Dottoressa Maria Gigli, Dirigente Scolastico dell’Istituto Fontamara di Pescina, […]

Pubblica Amministrazione

Scopri altri articoli correlati per fascicolo:

Digital Transformation

Sicurezza & Privacy

Storie di clienti

Suggerimenti

  • Scuola 4.0: perchè scegliere Microsoft 365

    Scuola 4.0: perchè scegliere Microsoft 365

    Microsoft è partner delle scuole nel processo di innovazione e trasformazione che offre il PNRR. Scuola 4.0 offre l’opportunità di ripensare la didattica e i luoghi in cui questa viene svolta, un viaggio complesso che vede Microsoft supportare dirigenti e docenti per comprendere il potenziale e i benefici delle nuove tecnologie inclusive e sicure. Fornire […]